Magazine

Profumatori d’ambiente in ceramica

foto di un profumatore d'ambiente in ceramica raku

Diffondere un buon profumo in casa o sul luogo di lavoro, che sia un’essenza o un bastoncino di incenso, dona sempre una bella sensazione e ci fa sentire in pace con noi stessi e con il luogo che abitiamo.

Leggi tutto

foto di un angioletto in ceramica raku

Angeli in ceramica Raku

Dal greco Angelos, che significa “messaggero”, gli angeli sono presenti in tutte le culture e tradizioni fin dalle epoche più remote.

Leggi tutto

Le collane in ceramica Raku

foto di una collana in ceramica raku con spirale di color azzurro

Creare una collana in ceramica è forse una delle azioni più meditative e zen che io conosca. Si possono realizzare catenine con fili di elementi sferici oppure con ciondoli da impreziosire con piccoli componenti in metallo, per rendere ogni monile più luminoso e particolare.

Leggi tutto

Le collezioni in ceramica Raku di Terra Crea

foto di una mano che tiene il pianeta Terra in ceramica Raku

Terra Crea, lo dice già il nome stesso, è anzitutto creazione. Dare una forma materiale ai propri pensieri, mettersi a “creare” con passione, coraggio e intraprendenza. Questo ci ha permesso negli anni di trovare una linea, una strada artistica che fosse unica, nostra, riconoscibile. Il più possibile incline alla nostra personalità e al nostro estro.

Leggi tutto

Foto di un dirigibile in ceramica raku

I campi di utilizzo della ceramica

La ceramica (dal greco antico κέραμος, kéramos, che significa "argilla", "terra da vasaio") è un materiale inorganico, non metallico, molto duttile allo stato naturale e rigido dopo la fase di cottura. Sono diversi gli oggetti che si producono con la ceramica: stoviglie, manufatti decorativi, materiali edili (mattoni, piastrelle e tegole), rivestimenti per muri e pavimenti di abitazioni. Specifiche ceramiche, inoltre, trovano impiego nei rivestimenti ad alta resistenza al calore, grazie al loro alto punto di fusione.

Leggi tutto

Che strumenti si utilizzano per lavorare la ceramica

foto delle mani di Andrea de Paoli che lavorano la ceramica al tornio

Come si crea un laboratorio per lavorare la ceramica?

E, soprattutto, cosa occorre per poter lavorare bene e con agilità, con tutto quello che serve?

All’inizio fu l’argilla

La prima materia che dobbiamo procurarci è ovviamente l’argilla e scegliere quale tipo utilizzare. Al mondo infatti esistono tantissime varietà, perché l’argilla altro non è che terra, presente ovunque in natura e con caratteristiche specifiche a seconda della posizione in cui viene trovata.

Leggi tutto

Differenza tra ceramica tradizionale italiana e ceramica raku occidentale

foto di un manufatto in ceramica Raku

Ogni terra, ogni colore e soprattutto ogni tipo di cottura, producono una gamma di risultati e di espressioni dell’argilla che ci permettono di classificarla in due grandi gruppi, ovvero la ceramica tradizionale italiana e la ceramica Raku occidentale.

Occidentale” perché la ceramica Raku giapponese, pur essendo stata la fonte d’ispirazione originaria, è ben lontana dalle sperimentazioni seguite all’esportazione e alla diffusione della tecnica Raku in tutto il mondo, a partire dall’Inghilterra grazie al maestro e pioniere in materia Bernard Leach.

Leggi tutto

I corsi di ceramica raku, e non solo, da “terra crea”

L’argilla è una materia magica. Quando viene toccata con amore e gioia la sua plasticità ci viene incontro, favorendo l’espressione della nostra creatività e unicità. È un materiale antico che riporta alle origini dell’uomo e ripropone la pregevolezza di un lavoro lento e manuale, dove serve sì la tecnica ma anche la capacità di interagire con la terra e dare una forma alle nostre idee e progetti, con l’emozione di vedere le creazioni in ceramica Raku modellarsi tra le nostre mani.

Leggi tutto

TERRA CREA E LA CERAMICA RAKU

Quando ho conosciuto la ceramica Raku, una quindicina di anni fa, è stato subito una scoperta emozionante. È qualcosa che ha a che fare con la semplicità, la naturalezza, la forza e la bellezza degli elementi. Con il lasciar andare. Non mi trovavo solo davanti a una diversa tecnica di cottura, rispetto alle regole dell’arte della ceramica tradizionale che padroneggiavo, o a un sapiente uso del fuoco e degli smalti. Con la ceramica Raku avevo l’opportunità di sperimentare e di muovermi in un universo dove tutto sa di nuovo e inaspettato: forni rudimentali, oggetti incandescenti, combinazioni tra acqua, terra e fuoco, che si mescolano e si rafforzano in un gioco che continua a variare. E poi, quella possibilità di imparare a domare il fuoco e stupirsi ogni volta, di fronte a risultato inaspettato.

Leggi tutto